WordPress database error: [UPDATE command denied to user 'Sql669854'@'62.149.143.194' for table 'wp_postmeta']
UPDATE `wp_postmeta` SET `meta_value` = '181' WHERE `post_id` = 27746 AND `meta_key` = 'views'

calciolaziale.com

L’Unipomezia sogna, Gangemi “Ultima partita al cardiopalma”

uni-2003

A 80 minuti dal termine del campionato, resta vivo il sogno Elite in casa Unipomezia. L’Under 16 di mister Davide Gangemi ha tre lunghezze di ritardo dalla capolista Agora e ad una dalla Virtus Nettuno seconda. Un girone, il C, che si è rivelato combattutissimo e molto equilibrato soprattutto nella parte alta della classifica, e nell’ultimo appuntamento può accadere ancora di tutto.

I classe 2003 se la dovranno vedere con uno Sport City Roma sulla carta abbordabile, ma ad intrigare ancor di più la corsa per la vittoria finale saranno i due scontri delle dirette concorrenti, con l’Agora che giocherà sul difficilissimo campo dell’Anzio e la Virtus Nettuno che andrà invece a Latina Scalo. Una settimana ad altissima tensione in casa Unipomezia ma da vivere il più serenamente possibile, con mister Davide Gangemi che si proietta così all’ultimo step decisivo. “Arrivare all’ultima giornata potendoci giocare ancora la promozione è già un traguardo molto importante, tutta la società è contenta di ciò che siamo riusciti a fare nel corso della stagione ed ora non ci resta che vivere questi ultimi 80′ di fuoco. Sono contentissimo soprattutto per la crescita, a 360 gradi, che questi ragazzi hanno avuto dall’inizio fino ad oggi, ho cercato di dare tutto me stesso per tentare un qualcosa di importante e ad un turno dal termine può accadere ancora di tutto. Certo, dovremo sperare nella sconfitta dell’Agora e nella non vittoria della Virtus Nettuno che, tra l’altro, giocherà prima di noi quindi sapremo già il loro risultato. Veniamo da una prestazione opaca contro il Pio XII in una gara dove mi prendo soltanto il risultato. Non mi è piaciuto assolutamente l’approccio che abbiamo avuto anche se alla lunga sono emersi i nostri valori tecnico-tattici. Probabilmente abbiamo preso sottogamba la partita e questo ci deve servire da lezione per affrontare al meglio l’ultima sfida. Sono fiducioso e non ci resta che vivere e giocarci questi ultimi 80 minuti al cardiopalma”.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>