WordPress database error: [UPDATE command denied to user 'Sql669854'@'62.149.143.196' for table 'wp_postmeta']
UPDATE `wp_postmeta` SET `meta_value` = '561' WHERE `post_id` = 26822 AND `meta_key` = 'views'

calciolaziale.com

Di Francesco “Sono preoccupato, ora zitti e lavoriamo”

difr

La sconfitta all’Olimpico con il Milan fa di nuovo precipitare la Roma al quinto posto in classifica e permette ai rossoneri di avvicinarsi alla zona Champions. L’allenatore della Roma Eusebio Di Francesco ha rilasciato queste dichiarazioni:

Nel primo tempo la squadra ha fatto una buona partita, concedendo poco o nulla al Milan, mentre nella ripresa abbiamo sbandato dopo il gol preso, mentalmente e fisicamente e questo un po’ fa preoccupare. È ovvio che questo è un campanello d’allarme: non possiamo essere contenti del nostro momento e di questa partita in particolare. Sono dispiaciuto soprattutto per la prestazione del secondo tempo, al di là del risultato, perché abbiamo i mezzi per fare molto meglio. Questa squadra ha dimostrato di difettare di un po’ di personalità nel momento del bisogno, oggi lo abbiamo dimostrato: il calcio è fatto di episodi e noi dobbiamo essere bravi a portarli dalla nostra parte, o, quando questo non avviene, a reagire in caso di svantaggio. La scelta di Schick unico centravanti? A tratti ha fatto buone giocate, ma nel complesso generale non ha determinato come avremmo voluto: è un ragazzo giovane a cui va dato tempo, nessuna bocciatura anche perché è il contesto generale che oggi è andato a scemare. La responsabilità me la prendo io, come successo per la ripresa della sfida in Ucraina: non possiamo permetterci passi falsi come questo. Ora dobbiamo solo stare zitti e continuare a lavorare. Io in discussione? Sono il primo responsabile, quindi mi sento sempre in discussione, ma fa parte del mestiere dell’allenatore dal primo giorno che siede su una panchina. Nainggolan? Forse non sta attraversando il suo miglior momento, ma abbiamo bisogno di lui, della sua qualità: oggi ha perso un dente dopo uno scontro di gioco e non si sentiva tanto bene.”

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>